Ξεκινά στις 28 Αυγούστου το 70ο Φεστιβάλ Βενετίας και τιμά με την αφίσα του τον Θόδωρο Αγγελόπουλο

Στην αφίσα της φετινής επετειακής Μόστρα τιμώνται ο Έλληνας σκηνοθέτης και ο Ιταλός Φεντερίκο Φελίνι.
Η αφίσα του 70ου Φεστιβάλ Βενετίας είναι αφιερωμένη σε δύο μεγάλους Ευρωπαίους  κινηματογραφιστές. Στον Έλληνα Θόδωρο Αγγελόπουλο και στον Ιταλό Φεντερίκο Φελίνι.
Στην αφίσα της φετινής επετειακής Μόστρα, του καρτουνίστα, γραφίστα και σκηνοθέτη Σιμόν Μάσι, είναι ο Μπρούνο Γκανζ από το «Μια Αιωνιότητα και Μια Μέρα» (1998) και ο ρινόκερος από το «Και το Πλοίο Φεύγει» (1983) του Φεντερίκο Φελίνι.
Το κορυφαίο κινηματογραφικό Φεστιβάλ ξεκινά στις 28 Αυγούστου με την προβολή της αμερικάνικης υπερπαραγωγής «Gravity» του Αλφόνσο Κουαρόν με τους Τζορτζ Κλούνεϊ και Σάντρα Μπούλοκ, ενώ θα ολοκληρωθεί στις 7 Σεπτεμβρίου.

Πηγή: protothema

 

Venezia 70, il manifesto ufficiale

Realizzato da Simone Massi, il poster ufficiale della Mostra è un omaggio al cinema di Theo Angelopoulos e di Federico Fellini
È insieme un omaggio al cinema di Theo Angelopoulos e di Federico Fellini, l’immagine scelta per il nuovo manifesto ufficiale della 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, che si svolgerà al Lido dal 28 agosto al 7 settembre 2013.
Realizzata da Simone Massi - animatore, regista e illustratore della sigla della Mostra - l'immagine rimanda a un'inquadratura del film di Theo Angelopoulos L'eternità e un giorno (1998), interpretato da Bruno Ganz. Un uomo di spalle agita le braccia in direzione di una barca che, in lontananza, trasporta un bambino e un rinoceronte. Una citazione autoironica del manifesto dello scorso anno (a sua volta ispirato a E la nave va, 1983, di Federico Fellini), che segna una continuità e un superamento allo stesso tempo. Un invito anche a guardare oltre, a viaggiare con l’immaginazione.
L'identità visiva e l'immagine coordinata della Mostra di Venezia è stata curata anche quest'anno dallo Studio Graph.X di Milano sulla base dei disegni di Simone Massi. Simone Massi, premiato col David di Donatello 2012 per il miglior cortometraggio, è l’autore della sigla che dallo scorso anno introduce le proiezioni ufficiali della Mostra di Venezia. La sigla ha una durata di 30 secondi, ottenuti da 300 disegni realizzati a mano che citano Fellini, Angelopoulos, Wenders, Olmi, Tarkovskij, Dovženko. Massi ha ideato la sigla con il contributo di Fabrizio Tassi. La musica è stata scritta ed eseguita da Francesca Badalini, mentre il sound-design è di Stefano Sasso. Julia Gromskaya ha realizzato le riprese e Lola Capote-Ortiz si è occupata della post-produzione.
Massi, nato a Pergola nel 1970, è fra gli ultimi pionieri dell'animazione “a passo uno” e ha all'attivo oltre 200 premi vinti nei principali festival nazionali e stranieri, oltre ad essere ritenuto uno dei più importanti autori di cortometraggi di animazione a livello internazionale. Animatore indipendente, ha studiato Cinema di animazione alla Scuola d’arte di Urbino. In 15 anni ha ideato e realizzato (da solo ed interamente a mano) 15 film di animazione che sono stati mostrati in 54 Paesi e che sono stati riproposti alla 69. Mostra di Venezia 2012, insieme a un inedito, Animo resistente. Per i suoi lavori Massi non si serve dell'uso del computer, ma realizza tutto a mano su carta, attraverso l'uso di matite, carboncini, gessetti, pastelli, grafite e china. La tecnica dei “graffi” adottata nelle ultimissime opere – che gli consente di completare 6-7 disegni al massimo in una giornata - lavorando senza sosta dalla mattina alla sera – fa sì che per un film di 8 minuti siano necessari anche due anni e mezzo di lavoro.

 

Πηγή: cinematografo.it